Salute e Benessere

Salute e Benessere

Martedì, 14 Marzo 2017 09:50

Cos'è una corona protesica?

La corona protesica, chiamata  anche "capsula"  è un "guscio" che permette la ricostruzione completa della porzione esterna del dente, (visibile) riproducendone forma e colore. È ancorata con viti o cemento, alla porzione residua del dente oppure ad un impianto. 

Più corone protesiche possono essere unite insieme e pertanto, ancorate ai denti residui, sostituendosi ai denti mancanti. In questo caso si parla di ”Ponte”.

Lunedì, 14 Novembre 2016 11:42

Protesi ai capelli, quale scegliere

Esistono due tipologie di protesi: Lace spesso e Lace sottile.

Lace spesso o  French Lace è certamente una protesi molto resistente ma anche più visibile, mentre French Lace o Swiss Lace è una protesi meno resistente ma completamente invisibile.

 

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi?

 

Vantaggi

 
  • il lace è molto traspirante questo perchè  l'aria passa attraverso le maglie della retina ossigenando la cute  e lo stesso vale per l'acqua quando facciamo la doccia, lo shampoo, quando siamo nell’acqua del mare, che passa  bagnando la cute regalando sollievo e freschezza;

 
  • permette di scoprire totalmente la parte frontale e ciò dona un risultato estetico naturale;

 
  • i capelli hanno un ottimo volume molto simile alla normale capigliatura e possono essere pettinati normalmente in qualsiasi direzione.

 
 

Svantaggi

 
  • richiede una certa manutenzione che può apparire anche più lunga e complessa rispetto alla pellicola nel caso si opti per la colla ;

 
  • subisce l’effetto dello scolorimento quindi i nodi diventano gialli  come le meches dando quindi alla retina e alla cute una colorazione effetto tinta.

 

Come vengono realizzate le protesi per capelli?

Oltre al Lace, di cui abbiamo parlato, per realizzare una protesi ai capelli ci sono diverse tipologie di materiali in commercio ed i più impiegati per realizzare un impianto per infoltimento di capelli sono: monofilamento; basi polimeriche e silicone. Su queste basi i capelli vengono applicati o tramite innesto o mediante annodamento.

Le protesi capelli in monofilamento

Il monofilamento è un tulle leggero, trasparente e traspirante, ed è anche abbastanza durevole, si tratta di un impianto che viene lavorato interamente a mano con un nodo.

Le protesi capelli in Poly

Le protesi in Poly vengono realizzate su basi gommose e polimeriche, si tratta impianti eccezionali, sia per calzata che per aderenza. Possono essere annodati oppure applicati mediante iniezione. Qui puoi leggere alcune opinioni a riguardo. Aderiscono perfettamente al cuoio capelluto e sono particolarmente indicate per tutte quelle persone che hanno una vita dinamica e sportiva. Necessitano però di una igiene meticolosa rispetto al  Lace o al monofilamento, però sono dotate di meno traspirabilità. in quanto queste protesi sono dotate di scarse proprietà traspiranti. Chi indossa una protesi in Poly deve fare attenzione anche alle possibili irritazioni a causa dell’adesivo come per le protesi in Silicone.

Che differenza c’è tra una protesi ad innesto ed una protesi di capelli annodata?

capelli innestati sono inseriti a mano, mediante un movimento dall’alto verso l’interno della calotta, restano così più morbidi rispetto a quelli inseriti con la protesi annodata.  Senza il vincolo del nodo alla base, la protesi ad innesto permette al capello di essere più libero e quindi più morbido al tatto.

Qual è la protesi capelli più adatta?

 

Per sapere la protesi di capelli più adatta ad ogni singolo soggetto, occorre rivolgersi agli specialisti. Un centro tricologico professionale è in grado di proporre soluzioni personalizzate e specifiche per tutti i problemi di capelli, ed è in grado di creare la protesi giusta per ogni individuo in base alle caratteristiche della persona. Il consulente tricologico ha l’abilità di riuscire ad offrire la protesi in grado di soddisfare pienamente le proprie aspettative per una vita sicuramente più serena e più a proprio agio con sè e con gli altri.

Venerdì, 30 Settembre 2016 01:11

Come imparare a gestire la rabbia

La rabbia non va etichettata come un sentimento negativo, in quanto essa è un’emozione intensa e primordiale che ha origini fisiologiche e che necessita di essere espressa. Tuttavia va detto che taluni soggetti non sono in grado di gestire questa emozione e finiscono con l’andare incontro a vere e proprie crisi d’ira, assumendo atteggiamenti distruttivi, anche di fronte a piccole provocazioni. ICiò significa che un sentimento naturale rischia di trasformarsi in un disturbo patologico. Di seguito cercheremo di scoprire insieme come è possibile imparare a gestire la rabbia.

Giovedì, 30 Giugno 2016 15:04

Bruxismo: digrignare i denti!

Il Bruxismo è una tra le più particolari patologie dei denti, e si ha quando il soggetto tende a sfregare gli elementi dentali tra di loro, attraverso appunto il digrignamento.

Solitamente ciò accade durante il sonno.
Non sempre però è facile accorgersene per poter intervenire in tempo.

Ma quali sono le cause del bruxismo?

Mercoledì, 23 Marzo 2016 17:40

Quanto dura un cosmetico?

Per conoscere la durata di un cosmetico dobbiamo fare riferimento alle indicazioni presenti nell’etichetta del prodotto e non dobbiamo dimenticare che la loro “durabilità” , prima e dopo l’apertura, viene verificata attraverso appositi test.

La normativa stabilisce che se la data di durata minima del prodotto cosmetico è inferiore ai 30 mesi, questa vada necessariamente riportata in etichetta. Si tratta della data alla quale il prodotto, opportunamente conservato, continua a soddisfare la sua funzione iniziale e rimanere sicuro. Questo periodo va indicato con la dicitura “Usare preferibilmente entro …” seguita dall’indicazione di mese e anno. Se necessario, in etichetta sono precisate anche le condizioni da rispettare per garantirla.

L’indicazione della data di durata minima non è, invece, obbligatoria per i prodotti cosmetici che hanno una durata superiore ai 30 mesi.