Lunedì, 06 Giugno 2016 13:04

L'accumulo fotovoltaico e l'indipendenza energetica

Scritto da 

Se si è interessati ad acquisire l'indipendenza energetica, l'accumulo fotovoltaico è la soluzione su cui fare affidamento: l'accumulo domestico, infatti, con il passare del tempo diventa sempre più conveniente e vantaggioso dal punto di vista economico in ogni parte d'Italia, da nord a sud. Il merito di questa tendenza, come è facile immaginare, va attribuito all'evoluzione della tecnologia, che fa in modo che i prezzi degli accumulatori si abbassino sempre di più. Inoltre, non ci si può dimenticare delle agevolazioni fiscali pari al 50% che, introdotte per gli anni scorsi, sono state prorogate anche per il 2016. Il mix di incentivi fiscali e prezzi in calo, dunque, permette di usufruire del risparmio garantito dall'installazione di un impianto con batteria.

Sul sito wolmann.com si possono trovare numerose informazioni in proposito. Di certo, l'accumulo fotovoltaico è foriero di una notevole indipendenza energetica che si concretizza anche in un incremento del guadagno per autoconsumo. Con l'energia autoprodotta nel corso del giorno dal sole, i consumi notturni sono letteralmente gratuiti: ciò vuol dire che, tra l'altro, non si è più costretti a fare i conti con i costanti aumenti dei costi dell'energia. Un accumulatore è un'assicurazione di risparmio e di serenità.

Infatti, grazie a questa soluzione, l'energia elettrica che viene prodotta dall'impianto fotovoltaico e che non viene completamente consumata non si spreca né viene riversata sulla rete elettrica, ma viene conservata per essere usata nelle ore notturne, vale a dire quando l'irraggiamento solare viene a mancare. Sono due le tipologie di accumulo a cui si può fare riferimento per garantirsi l'indipendenza energetica, vale a dire l'inverter con accumulo e il pacco batterie esterno. Nel primo caso, si ha a che fare con un accumulatore, che in genere è al litio, che viene introdotto all'interno dello stesso corpo dell'inverter, così da occupare una ridotta quantità di spazio. Con un accorgimento del genere, l'impatto è ridotto ai minimi termini, non solo per quel che riguarda le opere di adeguamento necessarie, ma anche dal punto di vista estetico. Nel secondo caso, invece, si ha a che fare con una serie di accumulatori meno costosi, che in genere sono al piombo - gel, che però hanno bisogno di interventi di installazione più complessi.

L'impianto con accumulo è raccomandato in modo particolare a coloro che consumano energia elettrica anche e soprattutto nelle ore notturne: per esempio, le persone e le famiglie che passano la maggior parte della giornata fuori casa e che, dunque, utilizzano gli elettrodomestici come la lavastoviglie e la lavatrice solo di sera. Poiché i consumi sono concentrati nelle ore in cui non c'è il sole, grazie all'accumulatore si ha l'opportunità di far rendere al massimo l'autoconsumo, così che l'impianto fotovoltaico installato sul tetto possa essere sfruttato nel migliore dei modi. Gli accumulatori di ultima generazione sono studiati e realizzati per assicurare una lunga durata nel corso del tempo e per offrire la migliore efficienza energetica.

Letto 668 volte